Visitare Tires in Alto Adige. Hotel parco naturale Dolomiti

Richiesta / prenotazione

Info-Hotline

+39 0471 642175
Siamo lieti della vostra chiamata!

Da visitare - Tires e i suoi dintorni

Dall'Hotel parco naturale Stefaner a Tires e nei suoi dintorni si possono visitare castelli, manieri, cappelle, chiesette e musei.

 

A seguire alcuni consigli:

La piccola chiesetta di San Cipriano e Justina - Tires

Questa chiesetta quale ha preso il nome il paese, costituisce senza dubbio un importante punto d’interesse. Fu costruita nel XIII secolo in stile tardo romanico ed è consacrata ai Santi Cipriano e Giustina. Le pitture murali esterne risalgono al XVII secolo e raccontano la leggenda del salvataggio del prato “Platzliner” da parte di Cipriano e Giustina. La leggenda narra che, Cipriano e Giustina proteggerono il prato ed il gregge con i loro mantelli dai fulmini che Dio stava scagliando dal cielo.

Chiesa di San Cipriano e Justina a Tires, Alto Adige

Chiesa di San Cipriano

La chiesa parrochiale di Nova Levante

La prima chiesa cristiana di Nova Levante risale probabilmente all'XI secolo. La leggenda narra che i primi abitanti del luogo si erano insediati "Im Loch" e sul "Zischgl" (due zone del paese), dove avrebbero voluto costruire una chiesa. Alla fine preferirono però convertire in chiesa un antico tempio pagano, che già insisteva sul luogo in cui si trova la chiesa attuale. 

 

L'attuale Chiesa parrocchiale fu consacrata nel maggio 1967, dopo due anni di lavori. Si tratta di una costruzione moderna, caratterizzata dalla bassa navata laterale e dal tetto a falde assai spioventi. Il campanile parrocchiale, alto 37 metri, è la struttura architettonica più antica del luogo. La parte inferiore risale al XIII secolo, mentre quella superiore - dalla cella campanaria in su - è stata ristrutturata nel 1741. Allo stesso anno risalgono l'ottagono e la cupola a bulbo.

 

Dove: Nova Levante, Lontananza: 26,5 km – circa 30 min

 

 

Museo di Collepietra

Il museo di Collepietra è stato inaugurato nel 1988 e può essere considerato una perla tra i musei altoatesini. Si trova direttamente sotto la chiesa parrocchiale di Collepietra e su un'area di oltre 1000 m² offre un’interessante panoramica sugli usi e costumi della storia locale senza tralasciare il mondo della flora, della fauna e dei minerali.
La vita contadina con le sue radici religiose, costumi e tradizioni artigiane, ricordi dolorosi delle guerre fanno parte dei reperti raccolti con grande passione e competenza. Il viaggio attraverso i singoli settori fa rivivere la umile esistenza dei nostri antenati ed il loro profondo legame con la natura. Il museo è caratterizzato dai numerosi dettagli della vita quotidiana. Imcomparabile è la cappella della risurrezione con le sue preziose statue e tesori sacrali.

 

Dove: Collepietra, Lontananza: 33,4 km – circa 45 minuti

 

 

Castello di Presule – Fiè allo Sciliar

Il castello fu menzionato per la prima volta nell’anno 1279 con il nome “castrum presile” e ca. nel 1500 è stato quasi completamente rinnovato nello stile del rinascimento dal proprietario di quel tempo che fu Leonhard von Völs.

Notevole è la grande collezione di armi del castello. Prevalentemente oggetti del 19 secolo, ma anche armi dal tempo di Leonhard von Völs, lasciano ritornare l’ospite col pensiero in tempi passati. Nei mesi estivi il castello offre spazio a varie mostre, concerti, teatro e altri eventi culturali.

 

Dove: Fiè allo Sciliar, raggiungibile in pullman

Castello di Presule a Fiè allo Sciliar in Alto Adige

Castello di Presule a Fiè allo Sciliar

Il museo parrocchiale di Fiè

Il Museo parrocchiale di Fiè allo Sciliar è situato nella cappella di S. Michele. L'antica cappella cimiteriale mostra opere d'arte sacra tardo-gotica provenienti dalle chiese e cappelle del circondario. L'altare a portelli della chiesa di S. Pietro sul Colle costituisce il vero gioiello del Museo parrocchiale.

 

Dove: Fiè, raggiungibile in pullman dall'Hotel Stefaner a Tires

 

 

Il mulino a Umes

Sopra Fiè si trova ancora questo vecchio ma ben restaurato mulino. È aperto alle visite il venerdì alle ore 17.00. Nei mesi estivi offre visite guidate.

 

Dove: Fiè, raggiungibile con il pullman dall'Hotel Stefaner a Tires

 

 

Castello di Cornedo

Sopra la gola della Val d’Ega si trova il Castello di Cornedo, emblema del comune e uno dei castelli più belli dell’Alto Adige. Molto pittoreschi sono il pozzo, le scale all’aperto e la loggia a due piani. Nei mesi di aprile, maggio, giugno, settembre e ottobre si può richiedere una visita guidata.

 

Dove: Cornedo, raggiungibile con il pullman

 

 

Osservatorio San Valentino

Un esperienza unica in Alto Adige è rappresentata dall’osservatorio “Max Valier” con l’osservatorio solare “Peter Anich” a San Valentino. Qui si possono osservare mondi dello spazio, le spettacolari sfaccettature del sole e raccogliere consigli pratici per l’osservazione del cielo stellato.

Il telescopio principale dell’osservatorio è un riflettore Cassegrain del diametro di 80 cm. È sostenuto da una forcella in acciaio, fissata su fondamenta in cemento.

Il sentiero dei pianeti è lungo 7 km e attraversa un paesaggi incantevole con stazioni espositive e informazioni sul sistema solare.

 

Dove: San Valentino, Lontananza: 36 km, circa 40 min.

 

 

Santuario di Pietralba

Il Santuario della Madonna di Pietralba, posto a 1520 metri s.l.m., ebbe origine nel 1553 quando la vergine Maria apparve a Leonardo Weißensteiner per guarirlo dalla sua malattia; Ella gli chiese di costruire, come ringraziamento, una cappella dove i fedeli potessero recarsi per invocarla e lodarla. La cappella originaria divenne subito méta di numerosi pellegrini, tanto che ben presto fu necessario costruire una chiesa vera e propria. L’attuale basilica in stile barocco venne completata nel 1654.


Essa comprende la venerata statua della Madonna Addolorata che tiene sulle ginocchia il Figlio deposto dalla croce, la cappella originaria eretta da Leonardo, l’altare di maggiore ricoperto di foglie d’oro e d’argento, gli splendidi affreschi della volta di Adam Mölk, gli altari laterali del Pußjäger e altre opere di A. Silber e di F. Haider.


Alla chiesa si accede da un corridoio dove sono conservato centinaia di ex voto.
A fianco della chiesa si trova la cappella di S. Pellegrino Laziosi, invocato specialmente per guarire i tumori.

 

Dove: Pietralba, Lontananza: 43 km, circa 1 ora.