Informazioni ciaspolata al Catinaccio. Hotel a Tires

Richiesta / prenotazione

Info-Hotline

+39 0471 642175
Siamo lieti della vostra chiamata!

Dall’Orsara al sentiero Knüppelweg (molto difficile)

Descrizione:

Durata: ore 6,5
Difficoltà: Difficile
Dislivello: 905 m

Punto di partenza: Bagni di Lavina Bianca, San Cipriano
Meta:

La salita al di là del Rio di Ciamin passa per un bosco di pini nella cosiddetta Gola dell’Orsara (Bärenfalle). Quando il sentiero, come spesso accade, non è innevato, si può procedere prevalentemente senza le racchette da neve.
Il primo punto di notevole interesse all’inizio, è il Tschetterloch, una suggestiva caverna che si presume sia stata luogo di culto preistorico.
Il percorso prosegue per circa 2 ore, in faticosa salita tra ripide pareti di roccia fino alla Sella Tschafatsch (2069 m). Usciti dalla gola, lo sguardo spazia sull’altopiano dello Sciliar-Schlern e sul Gruppo del Catinaccio (Rosengarten). Calzate le racchette da neve, si procede in ripida discesa attraverso boschi di mughi alla malga Sesselschwaige (1940 m). Di lì si prosegue per la gola rocciosa dello Sciliar sul sentiero detto «Knüppelweg» fino al crocifisso di Peter Frag.
Ora si volta a sinistra sul sentiero n.7 e si giunge al tratto che in ¾ d’ora sale al Rifugio Tschafon (1738 m). Sul sentiero n.4–4a si punta a San Cipriano per rientrare agevolmente al punto di partenza.